Blog

icon

39° PIZOLADA DELLE DOLOMITI: GRANDE IMPRESA DI IVO ZULIAN

Ivo Zulian torna sul gradino più alto della Pizolada delle Dolomiti. E lo fa in grande stile, battendo il forte Thomas Trettel, favorito della vigilia. Nella categoria femminile nessuna sorpresa: Roberta Pedranzini e Francesca Martinelli si confermano ancora ai massimi livelli dello sci alpinismo internazionale.

Grande successo quindi per la storica gara di sci alpinismo individuale a tecnica classica andata in scena oggi, domenica 29 marzo, al Passo San Pellegrino nella magica cornice delle vette innevate della Val di Fassa. Oltre 270 atleti hanno preso parte a questo ?importante appuntamento di fine stagione, organizzato e promosso dalla Val di Fassa Events a.s.d., in collaborazione con il Cai Sat e Soccorso Alpino.

Tanti i campioni al via presso la funivia del Col Margherita. Gara avvincente e combattuta tra gli uomini del percorso Classic con un bel testa a testa, dall’inizio alla fine, tra Ivo Zulian (Bogn da Nia) e Thomas Trettel (AS Cauriol). Il fassano di Soraga è riuscito a staccare il fiemmese solo nell’ultimo tratto del canalino “Holzer”, durissima salita da percorrere a piedi con sci in spalla fino alla cima del Col Margherita a 2550 metri. Un vantaggio di 20 secondi che Zullian ha poi amministrato bene fino all’arrivo. Terzo Alex Fasser (Adidas Outdoor/SC Lermoos).

Tra le donne del percorso Classic le super favorite Roberta Pedranzini e Francesca Martinelli (Sci Club Alta Valtellina) hanno fatto il vuoto dietro a loro tagliando insieme il traguardo, mano per mano, e bissando così il successo del 2014. Terza Cecilia De Filippo (SC Dolomiti Ski Alp).

Nel percorso Short vittoria assoluta di Alex Oberbacher (Peves Gherdeina) e Melanie Ploner (Brenta Team).

Il Gran Premio della Montagna, destinato al primo concorrente maschile e femminile a transitare per Cima Bocche, è andato a Ivo Zulian e Roberta Pedranzini nel percorso Classic e a Enrico Loss e Melanie Ploner nel percorso Short.

Uno speciale ringraziamento dell’organizzazione va, infine, ai numerosi gruppi di volontari che hanno contribuito a rendere tutto perfetto: la Scuola Alpina Polizia di Stato Moena, il Cai Sat Moena, il Soccorso Alpino centro Fassa, Moena e Val del Biois, il Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Passo Rolle (S.A.G.F.) della Scuola Alpina Guardia di Finanza, il Corpo Forestale dello Stato Canale d’Agordo, la Bela Ladinia, i Bogn da Nia, l’ANA Sezione di Moena e Falcade, l’Associazione Pian Pian Bel Bel Moena, la Croce Rossa Val di Fassa ?e lo staff della ski area San Pellegrino.

0