Blog

DSC_5531

LEONARDO PAEZ E CHRISTINA KOLLMANN DANNO SPETTACOLO SUL NUOVO PERCORSO DELLA VAL DI FASSA BIKE-VOLVO CUP

Podio internazionale nell’ottava edizione della Val di Fassa Bike-Volvo Cup. Il colombiano Leonardo Paez e l’austriaca Christina Kollmann hanno letteralmente dominato la prova Marathon della granfondo di mountain bike andata in scena a Moena su un percorso completamente rinnovato e molto tecnico.

Fin dai primi chilometri il top rider del team Bianchi I. Idro ha dettato un ritmo alto alla corsa mettendo subito le cose in chiaro: l’uomo da battere era lui.  Gli unici che hanno tentato di resistere alla sua impressionante scalata verso l’Alpe di Lusia sono stati il compagno di squadra Tony Longo e il Campione Italiano Samuele Porro (Silmax X-Bionic). Poi, quando entrambi gli inseguitori hanno dovuto rallentare per una foratura Paez è rimasto solo fino al traguardo. “Sono molto     contento, la mia stagione si chiude nel migliore dei modi: grazie a tutti. Una bella vittoria in una bellissima gara e su un percorso molto più duro rispetto a quello su cui avevo vinto 10 anni fa. Peccato per Samuele e Tony  che hanno forato” ha dichiarato Paez.

Grande entusiasmo anche nelle parole di Longo, secondo  classificato. “Siamo  rimasti subito in tre, ma dopo Samuele ho forato anch’io in fondo al Lusia  e nonostante il grande sforzo per rientrare sulla seconda salita non c’è  stato nulla da fare: Leonardo oggi era il più forte. Comunque sono contento  per lui, siamo riusciti a fare una bella doppietta di squadra in una gara importante alla quante tenevamo particolarmente”.

Terzo classificato Porro.   ”Grande applauso agli organizzatori che hanno tirato a lustro il percorso. Sono felice della mia gara, sto attraversando un bel periodo di forma, purtroppo ho bucato all’inizio della salita del Lusia. Sapevo che la gara era compromessa ma ho cercato lo stesso di recuperare. Mi sono giocato bene la terza posizione e va bene così.”

Martino Fruet, portacolori del Carraro Trentino Team, si è imposto sia nel percorso Classic, bissando così il successo dello scorso anno, sia sulla prova cronometrata di circa 2,5 km da Col de la Chiusa a Malga Roncac, novità assoluta di questa edizione della Val di Fassa Bike-Volvo Cup.

Una sorta di gara nella gara per consentire ai partecipanti di mettersi alla prova su un tratto tecnico e veloce. “Questa è stata la gara più lunga della mia stagione, due ore e mezzo. Sono partito  solo con l’idea di non andare in crisi perché sapevo che l’ultima salita     non perdonava, poi visto la mia anima endurista ho cercato di spingere sul single track cronometrato” ha detto l’atleta.

Nella prova Marathon  femminile senza rivali anche Christina Kollmann (Fill Proforma) davanti all’azzurra Elena Gaddoni (Scapin Soudal) e Valentina Frasisti (Ghost Italia). Ottima la vittoria di Margit Zulian (Fassa Bike) sul Classic: “Per me oggi la soddisfazione è doppia, correvo in casa e ho avuto il tifo dalla mia parte. Il percorso mi è piaciuto molto, gli organizzatori hanno saputo sfruttare bene il potenziale di questo territorio.”

“È stata una giornata perfetta, sotto ogni punto di vista. Le condizioni meteo hanno permesso agli atleti di fare tranquillamente la loro corsa e sul percorso  ho sentito tanti commenti positivi” ha commentato infine il Presidente della Fassa Events ASD Riccardo Franceschetti. “Le novità che abbiamo proposto quest’anno hanno dato maggiore qualità alla gara  rendendola completa anche in discesa. Una bella soddisfazione anche per i  tanti volontari che si danno sempre da fare e che colgo l’occasione di  ringraziare”.

L’edizione 2015 della Val di Fassa Bike resterà a lungo nella memoria e nel cuore degli oltre 1000 bikers che vi hanno preso parte. Il nuovo percorso, estremamente vario e ricco di passaggi tecnici, ha lasciato il segno suscitando grande entusiasmo nei veri appassionati di mountain bike.

“Abbiamo cercato di dare vita ad una gara completa e il riscontro ricevuto dagli atleti è stato più che positivo” commenta il responsabile dei percorsi Gianfranco Degiampietro. “Sapevamo fin dall’inizio che il percorso era bello tosto e che non sarebbe stata una gara facile, per questo valuteremo attentamente i feedback dei partecipanti che ci hanno dato ottimi spunti su cui lavorare il prossimo anno.”    

Durante le premiazioni sono stati assegnati anche dei premi speciali.

Il Gran Premio della Montagna di Le Cune (su cui il colombiano Leonardo Paez ha ottenuto il miglior tempo) è stato riservato agli amatori  ed è così che Andrea  Zamboni (BRÃO CAFFE’ – UNTERTHURNER) e Simona Beretta (WET LIFE), rispettivamente migliore tempo maschile e femminile, hanno  ricevuto in regalo uno skipass  stagionale della ski area Alpe Lusia-San Pellegrino.

L’ASD San Bortolo di Battaglia Terme (Padova) è stato il team più numeroso  con ben 28 iscritti e si è aggiudicato un bellissimo trofeo in legno lavorato a mano dallo scultore di Soraga Ivo Zulian.

I 18 bikers  del Rampitean  Giulianova Racing Team di Teramo, la squadra proveniente  da più lontano in questa 8° Val di Fassa Bike, potranno invece  iscriversi gratuitamente alla prossima edizione della manifestazione.         L’adrenalinica discesa del single  track di Malga Roncac, novità particolarmente apprezzata,  ha premiato i primi tre atleti (miglior tempo sia maschile che femminile) con trofei artigianali creati da Cose di Legno di Tesero.        

Sono stati inoltre premiati i primi tre concorrenti di ciascuna categoria (maschile e femminile) di entrambi i percorsi con un tagliere di prodotti tipici locali e prodotti WD-40®BIKE.

Per quanto riguarda il circuito ZeroWind MTB Cup il Comitato Organizzatore della Val di Fassa Bike si rammarica di non aver potuto  applicare il proprio Regolamento Interno (che prevedeva di riservare la prima griglia ai primi 300 iscritti del circuito ZeroWind MTB Cup), a causa dell’irreprensibilità del giudice internazionale UCI che ha imposto di applicare il Regolamento UCI. Tuttavia per la ZeroWind Cup, e non solo, è   stata stillata una classifica UNICA (file excel in allegato) per  l’attribuzione dei punteggi per il circuito.

Classifiche e foto su www.valdifassabike.it

0